L’Associazione Alice Benvenuti ONLUS

(in ricordo di Alice)

Il giorno 6 aprile 2018, a distanza di un mese dalla sua prematura scomparsa all’età di 18 anni (Alice era affetta da leucemia linfoblastica acuta), è nata l’Associazione “Alice Benvenuti Onlus”, alla memoria, in onore e in ricordo di nostra figlia che ha combattuto ogni istante per due anni, con coraggio e determinazione, sorridendo sempre alla vita e al suo futuro. Lo scopo iniziale di aiutare le famiglie dei piccoli degenti oncologici dell’Ospedale Pediatrico Meyer, travolte da malattie lunghe e spesso devastanti sia nello spirito che nel vivere quotidiano, è nato dal suo pensiero spesso rivolto all’avvenire di quei ragazzi, bambini, con cui condivideva la malattia.

In pochi mesi l’Associazione ha raggiunto oltre 160 soci e questo le ha permesso di ampliare i propri obiettivi: alle numerose donazioni a favore di famiglie in difficoltà si sono aggiunte quelle ai piccoli ospiti di Case Famiglia sul territorio lucchese. Non solo, al fine di creare opportunità di crescita culturale e lavorativa per le giovani generazioni, è stata realizzata una Biblioteca all’interno della Scuola S. Dorotea di Lucca ed istituita la borsa di studio “Alice Benvenuti Onlus” per gli studenti della quinta classe del Liceo Scientifico Vallisneri di Lucca, ed altre attività di formazione sia culturale che formative.

Per il futuro l’Associazione, vuole completare la vicinanza alle famiglie con progetti a sostegno della rete di ospitalità rivolta alle brevi degenze, l’accreditamento al Comitato Onlus dall’Ospedale Pediatrico Meyer, ci permetterà di organizzare al meglio i nostri aiuti, attraverso un servizio di accoglienza all’interno dell’ospedale stesso. Sul territorio di Lucca e Pistoia vorremmo inoltre intraprendere un nuovo percorso di supporto alle strutture pediatriche.

Alice era determinazione allo stato puro, piena di molteplici interessi, e credeva nel merito delle persone e dei giovani da cui era circondata ed emanava una energia luminosa e coinvolgente che noi non vogliamo disperdere. Per questo un progetto a noi caro è continuare ad affiancare la crescita delle giovani generazioni con ulteriori borse di studio e progetti legati allo sviluppo e all’affermazione delle proprie passioni attraverso la realizzazione di una importante struttura di aggregazione giovanile.

Un aspetto per noi importante è anche lo sport: grazie all’ACF Fiorentina di cui Alice, ragazza sportiva e pallavolista di prospettiva, ne era tifosa, abbiamo avuto la possibilità di accompagnare dei bambini oncologici in visita alla squadra, che a sua volta l’ha voluta ricordare, nel giorno della ricorrenza della sua breve vita allo Stadio Artemio Franchi.

Questo è il percorso di aiuto che abbiamo iniziato nel ricordo di Alice, per non disperdere il suo “sorriso”, un semplice gesto spontaneo del suo modo di essere, che accendeva il cuore a grandi e piccini. Noi familiari di Alice ed i soci che insieme a noi credono in questo progetto, speriamo di scaldare con il nostro lavoro il cuore di molte famiglie, bambini, ragazzi.

Mario e Lucia genitori di Alice